Sustainability

 

AGRICOLTURA RESPONSABILE
PER UN FUTURO SOSTENIBILE

 


I coltivatori in California, Arizona e New Messico si impegnano profondamente per utilizzare in maniera intelligente risorse naturali e umane grazie alle più recenti tecnologie, in modo da produrre i migliori pistacchi del mondo. Ricoprono diversi ruoli: responsabili dell’ambiente, premurosi datori di lavoro, collaboratori virtuosi per le economie locali, statali e nazionali e produttori di un alimento ricco di proteine e proprietà nutrizionali, importante per il pianeta. Vi invitiamo a saperne di più sugli uomini e sulle donne che lavorano per portare i pistacchi coltivati in America a voi e alle vostre famiglie.

I PISTACCHI, PARTE DI UNA DIETA SOSTENIBILE

 

Decine di studi scientifici documentano il potere dei pistacchi, il piccolo frutto secco - al centro delle moderne questioni di salute - che racchiude un’incredibile energia ed elevate proprietà nutrizionali. I pistacchi sono considerati un elemento chiave della Dieta Mediterranea, una dieta ispirata alle abitudini alimentari dei popoli della Grecia, dell'Italia meridionale e della Spagna, che incorpora gli ingredienti chiave di un'alimentazione sana - pesce, olio d'oliva, cereali integrali e vegetali come legumi, frutta, noci e verdure. Consumare pistacchi e altra frutta secca a guscio può aumentare i livelli di colesterolo HDL “buono” nel sangue e ridurre i rischi di ictus. I risultati attuali indicano che i pazienti che hanno consumato i pistacchi hanno migliorato la salute del cuore, ridotto il rischio di cancro al seno e abbassato l’incidenza di diabete.ii

Sustainable Diet

 

Asha Munger

In poche parole, ecco maggiori informazioni sui pistacchi:

  • i pistacchi sono una proteina vegetale, una preziosa fonte di energia. Una porzione da circa 30 grammi contiene 6 grammi di proteine di qualità, facilmente digeribili.

  • Oltre a essere una buona fonte di proteine, i pistacchi contengono tutti e 9 gli aminoacidi essenziali, in giuste quantità per gli adulti. I pistacchi, quindi, si qualificano come una "proteina completa”.

  • Inoltre, una porzione di circa 30 grammi contiene 3 grammi di fibre e solo 160 calorie - tra i livelli più bassi di calorie per porzione, tra la frutta secca.

  • Studi scientifici hanno dimostrato che i pistacchi aiutano a mantenere i normali livelli di pressione sanguigna e a combattere l’ipertensione. I pistacchi, inoltre, sono caratterizzati da buoni livelli di minerali, come potassio, magnesio e calcio. Infatti, i pistacchi, tra tutta la frutta secca, sono la fonte più ricca di potassio.

  • Sono ricchi di vitamine, fibre e altri minerali essenziali tra cui rame, manganese, potassio, calcio, ferro, magnesio, zinco e selenio.

  • Mangiare pistacchi aiuta a mantenersi in forma. Numerosi studi scientifici suggeriscono che includere i pistacchi nella dieta aumenta l'assorbimento dei nutrienti, aiuta a non aumentare il peso corporeo e favorisce il mantenimento del girovita e dell’indice di massa corporea.

  • Mangiare pistacchi può preservare la salute della pelle, grazie al potere antiossidante e antinfiammatorio dei carotenoidi, flavonoidi e tocopherols, che possono svolgere un ruolo nella prevenzione della salute della pelle e contro i danni di fotoinvecchiamento.v

La storia della sostenibilità dei pistacchi di origine americana e del loro beneficio per il nostro Pianeta è di grande impatto. Le diete sostenibili, quelle che influiscono sull’ambiente e che contribuiscono alla sicurezza alimentare e nutrizionale, nonché a una vita sana, stanno diventando oggi sempre più importanti. Le diete sostenibili sono più rispettose della biodiversità e degli ecosistemi del nostro ambiente e allo steso tempo ottimizzano le risorse naturali e umane, seguendo i principi definiti dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura.

Sempre maggiore attenzione è rivolta alle questioni sostenibili, associate alle linee guida dietetiche e sempre più evidente è il fatto che le nostre scelte alimentari impattino anche sulla nostra salute; queste influenzano la disponibilità e la salute delle risorse del nostro Pianeta che sono necessarie per sostenere una popolazione mondiale in crescita. Più si conoscono gli effetti delle emissioni di gas serra, più cresce l’importanza delle diete vegetali.

Read more

INNOVAZIONE
E TECNOLOGIA

Forse è perché l’industria del pistacchio è relativamente nuova negli Stati Uniti, con una produzione commerciale iniziata solo negli ultimi anni ’70, che è pronta ad adottare nuove tecnologie e pratiche che si traducono in un miglioramento continuo. I coltivatori di pistacchi americani investono costantemente nella ricerca e nell’innovazione, per sviluppare le migliori pratiche nell’utilizzo delle energie rinnovabili e nell’efficienza agricola complessiva. I coltivatori e i produttori generano energia solare per alimentare le pompe di irrigazione, le attrezzature di lavorazione, i veicoli elettrici e per alimentare la rete elettrica dello Stato. La tecnologia usata per il raccolto, come i trattori senza conducente e le macchine agricole che utilizzano il GPS e altre tecnologie wireless, semplifica le operazioni e riduce la dipendenza dai combustibili fossili. I droni e le nuove tecniche di fertilizzazione individuano i problemi di consumo energetico che possono esistere in una piantagione per una rapida riparazione. I coltivatori di pistacchi americani non si fermeranno mai nella loro ricerca di inventare, investire e adottare nuove tecnologie che rendano i loro sistemi più sostenibili.

Larry Lowder

GESTIONE AMBIENTALE
E RENDIMENTI PIÙ ELEVATI ATTRAVERSO PRATICHE RIGENERATIVE


La Comunità di coltivatori di pistacchi americani sono in prima linea negli sforzi per promuovere un ambiente sostenibile e per conservare i preziosi acque e terreni. L’albero del pistacchio è, per natura, una pianta resistente alla siccità che ha avuto origine in Medio Oriente, tuttavia, precise quantità di acqua, in particolari momenti del suo ciclo di crescita sono fondamentali per produrre pistacchi perfetti. I coltivatori lavorano a stretto contatto con ricercatori universitari, specialisti dell’irrigazione e consulenti agricoli dell’Università Cooperative Extension della California, per adottare la tecnologia di gestione dell’acqua e i programmi di irrigazione più all’avanguardia del mondo. L’acqua utilizzata nelle aziende agricole di pistacchi viene spesso riciclata, non solo per le attività di coltivazione delle piante e la nutrizione degli alberi, ma anche per sostenere la fauna selvatica e l’habitat diversificato all’interno delle produzioni agricole e nei terreni adiacenti alle piantagioni di pistacchi.

 

 

 

 

Public Policy Institute of California

I coltivatori di pistacchi della California e i produttori di altre coltivazioni di frutta secca hanno aumentato notevolmente il raccolto, riducendo al contempo il consumo di acqua. La produzione agricola dei 9 milioni di ettari di terreno irrigato ha generato il 60% in più di prodotto lordo nel 2014 rispetto al 1980, nonostante il consumo di acqua sia diminuito del 15%.

Fonte: Public Policy Institute of California 2016
 
CropYeilds Improved with Sophisticated Water/Nutrient Management and Cultivation Practices

 

 

Gli ettari di terra sono utilizzati per il composto delle potature, che restituisce sostanze nutritive al suolo le quali ci si aspetta sostengano gli stessi frutteti per generazioni. La prossima volta che vedete crescere la vegetazione tra i filari di pistacchi, sappiate che serve a uno scopo: promuovere i batteri buoni del terreno e ammorbidire il suolo per permettere all’acqua di penetrare, riducendo i sali al suo interno. Senza eliminare nulla, i gusci scartati trovano utilità nel pavimentare le strade di campagna delle aziende agricole, riducendo al minimo la polvere e migliorando la qualità dell’aria. Altri sottoprodotti trovano impiego in molteplici applicazioni, tra cui i biocarburanti e persino i cosmetici.

INFORMAZIONI SULL’USO DELL’ACQUA


La pianta di pistacchio è originaria dei climi aridi e si è quindi adattata bene alle nuove regioni in Arizona, New Mexico e California (per lo più la valle secca di San Joaquin). I produttori hanno fatto dell'efficienza idrica una priorità assoluta, adottando tecniche di conservazione dell'acqua e sistemi di irrigazione che allungano le preziose riserve idriche e proteggono il suolo dall'erosione dell'aria e dell'acqua. Dopo aver sopportato diverse gravi siccità, per necessità, i coltivatori di pistacchi hanno dovuto adattarsi e innovare.

 

Una varietà di strumenti e tecniche è dedicata alla produzione e alla conservazione dell’acqua, tra cui sonde nel terreno, tensiometri e sensori che aiutano a monitorarne la velocità, la temperatura del suolo e i tassi di evaporazione e traspirazione. Lo sviluppo di nuove tecnologie ha permesso ai coltivatori di utilizzare dispositivi intelligenti che monitorano in tempo reale il movimento dell'acqua nel suolo e ne garantiscono il raggiungimento e il mantenimento, dove necessario, nella zona delle radici. I coltivatori oggi dispongono di una grande quantità di dati, quali informazioni meteorologiche e climatiche che aiutano a elaborare programmi di irrigazione efficienti, insieme a immagini satellitari per l’identificazione delle aree dei frutteti che potrebbero essere carenti o eccedere di acqua e sostanze nutritive.

 

 

 

UNESCO Economic Study

Uno studio del 2011 sulla produzione mondiale di pistacchi e sull'efficienza idrica ha mostrato che i coltivatori di pistacchi americani sono i produttori più efficienti al mondo in termini di litri di acqua necessari per produrre mezzo chilo di pistacchi.

Source: UNESCO, Mekonnen, M.M. and Hoekstra, A.Y., 2011
 
 

Oggi, il fertilizzante micronutriente viene accuratamente dosato attraverso sistemi di irrigazione a goccia per garantire l’irrigazione quando e dove gli alberi di pistacchio ne hanno più bisogno, per una produzione ottimale. Questa misurazione e applicazione molto precisa dei nutrienti, attraverso i sistemi a goccia, in agricoltura si chiama: FERTIRRIGAZIONE.

Fertigation

Gary Smith

AIR FORCE
NELLE PIANTAGIONI

I coltivatori si sono affidati ad una vera e propria "air force" di uccelli predatori per proteggere naturalmente le piantagioni da roditori, coyote e alcuni volatili che distruggono le coltivazioni. Posizionare cassette di nidificazione all'interno e al perimetro delle piantagioni offre una casa desiderabile per gufi, gheppi americani, falchi e altri rapaci che tengono a bada gli animali pericolosi, la quale è una soluzione moderna che elimina l'uso di rodenticidi e trappole. Lavorare con l'ambiente è uno strumento per il successo agronomico.

 

 

Sustainability
Sustainability
Sustainability
Sustainability

 

RAPPORTI DI LAVORO


Negli anni '70, la nascente industria del pistacchio era sostenuta da solo poche decine di dipendenti. Oggi la forza lavoro in California, Arizona e New Mexico è cresciuta insieme all'ondata di piantagioni appena piantate. Secondo uno studio economico del 2017 commissionato da APG, l'industria del pistacchio nella sola California ha creato oltre 22.600 posti di lavoro a tempo pieno e molti dei dipendenti che sono entrati nel settore più di 40 anni fa sono presenti ancora oggi.

Poiché l'industria americana del pistacchio è fortemente meccanizzata, la salute e la sicurezza dei lavoratori è la priorità numero uno. Le coltivazioni di pistacchi e le strutture di lavorazione rispettano i più severi standard e norme sul luogo di lavoro della nazione per garantire ai propri dipendenti un ambiente di lavoro sicuro e produttivo.

 

Il benessere dei dipendenti è un concetto vasto, che va dai controlli sanitari in loco e dalle cure mediche fino al provvedimento di borse di studio universitarie per i figli dei dipendenti. "Le persone che lavorano per noi, alcune per due o tre decenni o più, ora hanno figli cresciuti che hanno le proprie famiglie", ha detto Justin Wylie, di Wylie Farms in Madera County, in California. “Siamo un’unica famiglia con le stesse persone che mi hanno insegnato a guidare il trattore".

Decine di lavoratori che sono venuti negli Stati Uniti con un visto di lavoro hanno ottenuto la cittadinanza americana con l'aiuto dei loro datori di lavoro e sono diventati validi collaboratori nelle loro comunità, comprando case, avendo figli e facendo una carriera gratificante nel settore del pistacchio. Molti sono ora i manager e gli esperti che supportano una delle materie prime agricole in più rapida crescita d'America. "Ogni giorno penso a come le mie decisioni come agricoltore influiscono su 60 famiglie", afferma il coltivatore Larry Lowder.

La legge federale negli Stati Uniti stabilisce i diritti sociali ed economici minimi per i lavoratori, ma gli stati di Arizona e New Mexico che producono pistacchi vanno oltre quei minimi, con la California che supera lo stipendio minimo federale di oltre il 60%.

Sustainability library
Sustainability Ribbon Cutting

 

 

 

RESPONSABILITÀ SOCIALE


La produzione di pistacchi in tutti e tre gli Stati è in gran parte localizzata in comunità rurali che sono considerate poco servite, con scarse opportunità economiche per le piccole popolazioni che vi risiedono. Gli impianti di produzione dei membri di APG sono spesso il motore economico della loro comunità. Pertanto, viene prestata grande attenzione al servizio della comunità circostante in modo che essa possa prosperare. Tutti i nostri operatori sono essi stessi coltivatori e danno un grande contributo, dalla costruzione di parchi e parchi giochi comunitari, scuole e biblioteche, alle borse di studio per i bambini.

Mentre servono le loro comunità più vicine, molti finanziano anche programmi internazionali, come ospedali, istruzione e programmi di educazione agricola. L’industria americana del pistacchio è un modello per “Lavorare bene facendo del bene”.

 

 

“Non lo facciamo perché è un buon affare”
“Lo facciamo perché è la cosa giusta da fare.”

– Jim Maxwell, direttore dell’azienda agricola

 

Zambia kids

 
iEstruch R, et al. Primary prevention of cardiovascular disease with a Mediterranean diet. New Engl J Med. 2013 Apr 4;368(14):1279-1290.
iiAune D. et al. Nut consumption and risk of cardiovascular disease, total cancer, all-cause and cause-specific mortality: a systematic review and dose-response meta-analysis of prospective studies BMC Medicine doi.org/10.1186/s12916-016-0730-3
iiihttps://fdc.nal.usda.gov/
ivBurns-Whitmore B, Bushnell AH, Towne AH, Roy S, Hall LM, Food Nutri J: 2017
v6C-Y. Oliver Chen, Avi Smith, Yuntao Liu, Peng Du, Jeffrey B. Blumberg & Jonathan Garlick (2017): Photoprotection by pistachio bioactives in a 3-dimensional human skin equivalent tissue model, International Journal of Food Sciences and Nutrition, DOI:10.1080/09637486.2017.1282437
viLi, Z. The effect of pistachios on postprandial glucose in pregnant women with impaired glucose tolerance. Presented at: The Academy of Nutrition and Dietetics, Food and Nutrition Expo, October 23, 2017 in Chicago, IL.
viihttp://www.fao.org/nutrition/education/food-dietary-guidelines/background/sustainable-dietary-guidelines/en/