Monterey, CA – 3 Marzo 2020 Oggi è stato rivelato un nuovo studio che mostra che i pistacchi tostati coltivati negli Stati Uniti sono una "proteina completa", ciò significa che si uniscono alla famiglia di un piccolo numero di proteine vegetali come la quinoa, i ceci e la soia che sono diventati popolari tra i vegetariani e tra coloro che non assumono proteine animali. I risultati sono stati annunciati durante la Conferenza annuale dei coltivatori americani di pistacchio a Monterey, California.

I pistacchi si qualificano come fonte di proteine e la Food and Drug Administration (FDA) definisce una proteina completa un alimento che contiene "tutti gli amminoacidi essenziali in quantità adeguate"1. Dall’analisi è emerso che all’interno dei pistacchi tostati ci sono tutti e nove gli amminoacidi essenziali in quantità adeguate, dato dimostrato anche dall'indice di Digeribilità Proteica Corretta degli Aminoacidi (PDCAAS) per i pistacchi, che è stato presentato alla Conferenza della Federazione delle Società Europee di Nutrizione (FENS) a Dublino il 17 ottobre 20192. I pistacchi tostati hanno un PDCAAS dell'81% (l’indice della caseina, la proteina che si trova nel latte, è l’80%) e quindi secondo l’United States Department of Agriculture (USDA) possono essere fonte alternativa di proteine per i pasti scolastici3.

"Abbiamo sempre saputo che la frutta secca contiene proteine, ma ora sappiamo anche che i pistacchi tostati, grazie alla presenza al loro interno di tutti i nove aminoacidi, sono una proteina completa", afferma Nigel Mitchell, BSC, MSC, RD, autore di The Plant Based Cyclist e nutrizionista per diverse squadre sportive professionistiche e nazionali britanniche. "Questa è una ottima notizia, soprattutto per gli adulti e gli atleti che vorrebbero una proteina completa adatta come snack da mangiare in ogni

occasione che non richiede cottura. Come tale, i pistacchi tostati contribuiscono in modo utile alla dieta varia ed equilibrata e allo stile di vita sano che è molto importante per una buona salute". In Europa, i pistacchi sono considerati fonte di proteine.

Quasi tutte le proteine complete provengono da carne, pesce, uova e latticini.  La soia è una proteina vegetale considerata dalla FDA come proteina completa1.

"Gli amminoacidi sono i 20 elementi costitutivi delle proteine, ma i nove amminoacidi 'essenziali' non sono prodotti dal corpo umano, quindi devono essere ricavati dagli alimenti", ha spiegato la Dott.ssa Arianna Carughi, consulente scientifico di American Pistachio Growers, l'associazione di categoria per l'industria del pistacchio degli Stati Uniti. "La stragrande maggioranza degli alimenti a base vegetale sono proteine 'incomplete', quindi sono carenti di uno o più amminoacidi essenziali; a volte, la combinazione di due proteine incomplete (per esempio l’abbinamento di cereali e legumi) crea una proteina completa.  I pistacchi tostati però possono già da soli essere considerati una fonte proteica completa, utile per le necessità di chi ha più di cinque anni".


[1] https://www.accessdata.fda.gov/scripts/interactivenutritionfactslabel/factsheets/Protein.pdf

 

[2] https://www.morressier.com/article/p33705--digestible-indispensable-amino-acid-score-diaas-better-estimates-protein-value-pistachios- 

digestibility-corrected-amino-acid-score-pdcaas/5d5e5188bedcf39b766368c3

[3]  https://www.govinfo.gov/content/pkg/CFR-2011-title7-vol4/xml/CFR-2011-title7-vol4-part210-appA.xml

Mercoledì, Marzo 4, 2020

Hot Off the Press

Martedì, Marzo 3, 2020
Oggi è stato rivelato un nuovo studio che mostra che i pistacchi tostati coltivati negli Stati Uniti sono una "proteina completa", ciò significa che si uniscono alla famiglia di un piccolo numero di proteine vegetali come la quinoa, i ceci e la soia che sono diventati popolari tra i vegetariani e tra coloro che non assumono proteine animali.
Lunedì, Febbraio 10, 2020
American Pistachio Growers riporta uno studio condotto dai ricercatori dell’istituto Pere Virgili dell'Università Rovira i Virgili a Reus in Spagna secondo il quale mangiare solo una manciata di pistacchi come parte della dieta quotidiana può influenzare positivamente l'invecchiamento cellulare e la longevità. La ricerca è la prima nel suo genere a descrivere gli effetti positivi del consumo di pistacchi tra i prediabetici.